19/11/2012 Al via i progetti di Roma Capitale contro il disagio giovanile

Presentato in Campidoglio il pacchetto di iniziative per prevenire le situazioni di illegalità e disagio minorile nella Capitale. Laboratori di fotografia, musica e danza, attività pomeridiane nelle scuole, rubriche on line su temi di interesse per i giovani, sportelli di ascolto via web e un’unità di strada per intercettare e aiutare ragazzi in difficoltà. Sono alcune delle attività dei progetti che Roma Capitale, in collaborazione con il Centro Italiano di Solidarietà Don Mario Picchi (CeIS) e l’Istituto di Ortofonologia (IdO), porterà nei prossimi giorni in circa 50 scuole romane.

Pari e Impàri e Prevenzione del disagio e dei comportamenti a rischio devianza sono i nomi dei progetti, realizzati rispettivamente da Ceis e IdO, che vedranno il coinvolgimento di scuole e studenti che si trovano in quartieri difficili o in zone dove maggiore è il rischio di disagio tra i giovani (Municipi IV, V, VIII, XII, XIII, XV). Medici, psicologi, psicoterapeuti, sessuologi, educatori e operatori sociali svolgeranno attività di prevenzione non solo all’interno degli istituti scolastici e sul territorio, ma anche attraverso il web. Nelle scuole sarà applicata la peer education, una delle strategie più efficaci rivolte alla fascia adolescenziale e giovanile, che prevede siano gli studenti a diventare formatori dei loro compagni di scuola e attori delle iniziative finalizzate alla prevenzione della delinquenza giovanile. Verrà consegnato un questionario esplorativo, per conoscere cosa pensano gli studenti dei comportamenti a rischio diffusi tra i loro coetanei, delle loro abitudini, della situazione scolastica, e il ruolo che attribuiscono alla scuola, agli insegnanti e alla famiglia.

Riguardo le azioni sul territorio, i luoghi più frequentati dai ragazzi saranno monitorati da un’unità mobile con operatori del CeIS, che fungerà anche da centro d’ascolto itinerante per i giovani e le loro famiglie. Prevista, inoltre, la creazione di una rete tra la scuola e l’ambiente circostante – che va dalla Asl ai Sert, dalle associazioni cattoliche ai centri sportivi e culturali.


Pubblicato

in

,

da

Tag:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *